Gruppi di Parola - A.M.A.

DOTT.SSA ROBERTA GALIMBERTI
CONDIVIDI

Definizione

“Strutture di piccolo gruppo, a base volontaria, finalizzate al mutuo aiuto e al raggiungimento di particolari scopi. Essi sono di solito costituiti da pari che si uniscono per assicurarsi reciproca assistenza nel soddisfare bisogni comuni, per superare un comune handicap o dipendenza o un problema di vita, oppure  per impegnarsi a produrre desiderati cambiamenti  personali e sociali. I gruppi self–help enfatizzano le interazioni sociali faccia a faccia e il senso di responsabilità personale dei membri. Essi spesso assicurano assistenza materiale e sostegno emotivo; sono orientati verso una qualche «causa», proponendo una «ideologia» o dei valori sulla base del quale i membri possano acquisire o potenziare il proprio senso di identità personale”. (Cit.Kats e Bender,1976 )

Caratteristiche di base

Interazione faccia a faccia che comporta un contatto diretto e una partecipazione personale . Ora esistono anche gruppi online che hanno la loro efficacia.

I membri sono posti in relazione paritaria (comunicazione orizzontale)

Funzione dei gruppi A.M.A.

  • Offrire aiuto e sostegno per affrontare il problema
  • Informare
  • Aiutare gli altri
  • Offrire modalita’ di comportamento alternative
  • miglioramento delle competenze: Offrendo aiuto agli altri si accresce la propria competenza interpersonale e il senso della propria autoefficacia, diventando meno dipendenti e aumentando le proprie capacità di problem solving

Applicazione dei gruppi A.M.A.

Ogni gruppo deve essere composto da persone che condividono una stessa problematica:

  • Dipendenze affettive
  • Alcool
  • Droghe
  • Patologie fisiche
  • Patologie psichiatriche
  • Gruppi che vivono un disagio (es. Mobbing, bullismo, handicap, lutti)
  • Disturbi psichici /ansia e depressione

Regole nei gruppi A.M.A.

  • Presenza del facilitatore
  • Partecipazione ad ogni incontro
  • Condivisione di una stessa problematica
  • Ogni ingresso deve essere preceduto da un colloquio valutativo da parte del facilitatore
  • Gruppo chiuso ma aperto fuori (ci si può incontrare)
  • Frequenza (settimanale/ quindicinale o mensile)
  • Orario, luogo e conferma della partecipazione
  • Oltre le 3 assenze si esce dal gruppo

Costola del gruppo A.M.A.: il gruppo whatsapp

I partecipanti al gruppo sono connessi su un gruppo WhatsApp che è un utile strumento terapeutico.

 Nell’intervallo tra un gruppo e l’altro i partecipanti possono liberamente interagire tra loro attraverso il gruppo WhatsApp, che viene anche questo, moderato dal facilitatore.

 Le regole sono le stesse del gruppo AMA, ma il vantaggio è dato dalla possibilità di confronto e sostegno immediato e quotidiano. Il gruppo w. favorisce l’interazione sociale e la frequentazione dei membri libera anche al di là dell’incontro di gruppo.

Narcisismo e abuso narcisistico

La differenza tra narcisismo sano e quello patologico è difficile da dirimere …

Ansia e attacchi
di panico

Ansia attacchi di panico sono purtroppo molto diffusi nella nostra epoca…

Psicoterapia
Psicoanalitica

La psicoterapia analitica è un’esperienza intensa e profonda che porta a…

Psicologia
Oncologica

Branca della psicologia che si occupa di pazienti affetti da malattie tumorali…

Ipnosi
regressiva

Ipnosi regressiva e Psicologa Transpersonale cosa sono?

Corsi collettivi e di formazione

Corsi smettere di fumare, preparazione al parto, corsi  genitorialità

Gruppi
di Parola

Corsi smettere di fumare, preparazione al parto, corsi  genitorialità

minimo 10€ spese di spedizione incluse

Fai una donazione alla Voce Per Eco e Riceverai gratuitamente il libro a casa

La Voce per Eco - Associazione Onlus

• Bonifico Banco Posta IBAN: IT62K0760103200001036616702

• Conto Corrente Postale n: 1036616702

PER INFORMAZIONI: lavocepereco@gmail.com • 371.32.12270

Torna su